Privacy Policy
Home Metropolitan Magazine Italia Continuano le accuse all'Ares Gate: "Attori gay con copertura"

Continuano le accuse all'Ares Gate: "Attori gay con copertura"

Sono ormai giorni che è scoppiato l'Ares Gate, e ormai tutti in Italia chiedono chiarezza su quanto emerso grazie ad Adua Del Vesco e Massimiliano Morra. Tante le accuse contro l'Ares, il giallo diventa sempre piu' fitto. Nel frattempo ad intervenire sulla questione, a seguito dello scandalo, sono stati anche alcuni volti noti dello spettacolo, come Eva Grimaldi, Nancy Brilli e Giuliana De Sio, che per anni hanno collaborato con l'Ares Film. Oltre alle tre attrici adesso è intervenuto anche Marco Bellavia, che ha replicato alle parole di Lorenzo Crespi. “Attori Gay che si nascondevano dietro l'Ares per avere delle coperture con le stesse donne dell'agenzia.

Quest'ultimo ha infatti lanciato gravi e pesanti accuse all'ex casa di produzione che non sono passate…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Berruti sulla Boschi: "Vi racconto la prima sera con lei È caduta dalla …

E ora Giulio Berruti parla a ruota libera sulla sua storia d'amore con Maria Elena Boschi, e lo fa nel salotto di VerissimoQuella tra...

MARCO DE ANGELIS, FIDANZATO CLAUDIA PANDOLFI/ “Non …

Marco De Angelis è dal 2014 il fidanzato di Claudia Pandolfi. Con lui, l'attrice ha avuto suo figlio Tito, che oggi ha 4 anni....

SERIE A – Lapadula, per l'ex Lecce arriva la convocazione con la …

Il centravanti nativo di Torino, di mamma peruviana, sinora aveva sempre rifiutato la convocazione con il Perù, sperando di trovare spazio nella Nazionale azzurra....

'Un posto al sole', anticipazioni sino al 6 novembre: Silvia e il marito …

Alberto riceve un'importante proposta di lavoro, mentre Marina e Fabrizio devono gestire i problemi economici dei Cantieri. Le anticipazioni della soap opera...

Whirlpool Napoli, l'ultima notte dei lavoratori in fabbrica: «Licenziati …

Sono stati licenziati con un sms i lavoratori della Whirlpool di Napoli. Un messaggio sul telefonino che, dopo diciotto mesi di scioperi, manifestazioni e...