Home Formiche.net Dall'Urss a Putin. La parabola russa dalla caduta del Muro di Berlino...

Dall'Urss a Putin. La parabola russa dalla caduta del Muro di Berlino …

L'eredità dell'Urss non scompare nell'arco di una generazione, soprattutto nella dimensione dell'immaginario politico, che contribuisce alla formulazione della strategia internazionale di un Paese che non ha un grande peso economico, ma una crescente influenza geopolitica. L'analisi di Antonello Folco Biagini, professore emerito di Storia dell'Europa orientale presso Sapienza Università di Roma

A trent'anni di distanza dalla caduta del Muro di Berlino è senza dubbio possibile affermare che questo avvenimento racchiudeva già in sé il successivo collasso dell'Urss. È necessario, però, anche sottolineare come la crisi del sistema sovietico fosse iniziata ben prima del crollo del Muro.

A partire dagli accordi di Helsinki del 1975, l'Urss aveva già per certi versi derogato alla sua sovranità, accettando il cosiddetto paniere dei diritti umani. La conseguenza fu inevitabilmente quella di vedersi applicate delle sanzioni a partire dall'amministrazione Carter, soprattutto nelle forniture essenziali, come quelle del grano e dei prodotti industriali. Se a questo si aggiungono alcune scelte in contraddizione con la tradizionale politica estera sovietica basata sull'estensione del controllo nei territori contigui, come le sconfitte in Afghanistan, allora si comprende la lunga crisi.

Crisi che si concretizzò con la stagnazione del periodo di Breznev e il tentativo di Gorbaciov di rinnovare la politica e la società sovietica con una serie di riforme che intaccarono però la struttura istituzionale dell'Urss. Il crollo del Muro di Berlino fu solo la prima conseguenza del disimpegno sovietico per il quale optò Michail Gorbaciov che, rompendo con il passato, comunicò apertamente la propria indisponibilità a difendere i regimi comunisti degli Stati satellite. A questo evento, com'è noto, seguì un effetto domino che si abbatté sul resto dell'Europa orientale, insieme all'accettazione di Mosca della riunificazione tedesca.

È più giusto affermare, quindi, che è la crisi di legittimità dell'Urss e il tentativo di salvarla promosso dall'élite riformista salita al potere verso la metà degli anni 80 a racchiudere in sé i presupposti per il crollo del Muro. Per quanto riguarda la Russia odierna è però necessario ricordare che l'eredità dell'Urss è molto influente, a partire dal fatto che la classe dirigente sopra i quarant'anni, Putin in testa, si è formata in epoca sovietica, e dunque ne riporta la forma mentis.

L'Urss è stata una grande potenza mondiale e ha rappresentato un punto di riferimento non solo per i comunisti occidentali, ma anche per i movimenti di liberazione anticoloniale. È evidente che una tale eredità non scompare nell'arco di una generazione, soprattutto nella dimensione dell'immaginario politico, che contribuisce alla formulazione della strategia internazionale di un Paese che non ha un grande peso economico, ma una crescente influenza geopolitica.

Non necessariamente allo status di grande potenza devono del resto corrispondere prestazioni particolarmente elevate in tutte le dimensioni del potere. La Repubblica Popolare Cinese, ad esempio, è una superpotenza economica, ma, almeno per il momento, non ha dimostrato di saper difendere i suoi interessi con lo strumento militare al di fuori del suo quadrante geopolitico. Ciascun Paese fa, quindi, politica estera secondo la propria cultura politica, la propria visione del mondo e delle relazioni internazionali.

La modalità russa è certamente diversa da quella cinese, vi è un diverso ruolo della forza militare e anche le eredità del passato esercitano un peso rilevante, come dimostra il ruolo di Mosca in Siria (eredità sovietica) e i suoi rapporti con i cristiani d'oriente (eredità zarista). Questo rinnovato protagonismo geopolitico…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

DEVI LEGGERE

"Sweeney Todd", il musical del diabolico barbiere arriva a Milano

Da giovedì 14 a domenica 17 novembre al Teatro Nuovo arriva il musical Sweeney Todd, il diabolico barbiere di Fleet Street, per la regia...

Padova, incendio alla Rotogal, azienda leader di colla e nastri …

PADOVA. Allarme alla Rotogal, azienda leader nella produzione di nastri adesivi è stato avvolto dalle fiamme alle prime ore di questa mattina. Un'enorme...

Gino D'Acampo, tutti i segreti dello chef diventato star: carriera, vita …

Chi è Gino D'Acampo? Lo chef originario di Torre Del Greco diventato una vera e propria star nel Regno UnitoScopriamo tutti i segreti di...

Sweeney Todd, l'esclusiva intervista a Claudio Insegno – Radio …

Sweeney Todd è stato uno dei più emblematici personaggi interpretati da Johnny Depp, ma quanti di voi sanno che deriva da un'opera teatrale? L'originale,...

Chi è Georgette Polizzi: Tempation Island, malattia, matrimonio …

Chi è Georgette Polizzi: la partecipazione a Temptation Island con Davide Tresse, la malattia, il matrimonio, il lavoro, età, Instagram e news.Chi è Georgette...