Home Formiche.net Il Muro di Berlino è caduto ma la Nato è ancora indispensabile....

Il Muro di Berlino è caduto ma la Nato è ancora indispensabile. L …

Festeggiamo quest'anno i 70 anni dalla nascita della Nato insieme ai 30 dalla caduta del Muro di Berlino, che ha segnato la nascita di un'Europa riunita. Senza la Nato il comunismo non avrebbe perso la sfida con il mondo libero. L'analisi di Francesco Maria Talò, rappresentante permanente italiano presso la Nato

A quarant'anni dalla sua fondazione, la Nato avrebbe potuto chiudere i battenti a causa del suo successo: 1949-1989. La missione era compiuta: la cortina di ferro che aveva diviso l'Europa crollava fisicamente con il Muro di Berlino. Il 9 novembre 1989 ero un giovane diplomatico a Tokyo, nella prima sede della mia carriera. Quel giorno vedendo alla televisione le immagini di Berlino ho pianto di gioia ricordando il Muro che avevo attraversato pochi anni prima da studente al Checkpoint Charlie, pensando a milioni di europei liberati dall'oppressione del comunismo. Persone finalmente libere potevano visitare i Paesi dell'occidente che per non trasformarsi in dittature dominate dall'Unione Sovietica avevano costituito l'alleanza più longeva della storia umana: la Nato.

Festeggiamo quest'anno i settant'anni dalla nascita della Nato insieme ai trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino, che ha segnato la nascita di un'Europa riunita. Senza la Nato, senza quei suoi primi quarant'anni di perseverante deterrenza e difesa dell'occidente, il comunismo non avrebbe perso la sfida con il mondo libero. La forza dell'Alleanza atlantica è il frutto dell'unità tra Europa e Stati Uniti.

Alla fine della Prima guerra mondiale gli Usa scelsero di evitare un impegno politico e militare in Europa. Dopo un ventennio nel Vecchio continente è tornata una guerra ancora più disastrosa. Finita la Seconda guerra mondiale, invece, gli americani hanno impegnato le proprie forze nell'Europa occidentale, costituendo una credibile deterrenza rispetto alle minacce sovietiche. Per oltre quarant'anni l'Europa ha vissuto in un clima di guerra non guerreggiata.

Sono stati gli anni in cui la Nato si è formata: l'alleanza si è strutturata e la difesa collettiva statuita dall'articolo 5 del trattato di Washington ha assunto una credibilità che si è trasformata in garanzia di sicurezza per l'occidente. La crescente strutturazione dei comandi alleati ha contribuito alla deterrenza della Nato e alla sua coesione interna (fattori cruciali della vittoria, senza sparare un colpo, della Guerra fredda). La solidità tuttavia non basta: la chiave della resilienza della Nato è politica. Un successo riassumibile nella determinazione a difendere i valori affermati dal preambolo del patto atlantico: il nostro modo di vivere in sistemi democratici e liberali.

Caduto il Muro di Berlino non sono svanite le esigenze di sicurezza di una comunità nata per difendere i propri valori, e non solo per contrastare un nemico contingente. La missione, in realtà, non era compiuta. Nel 1989 la Storia non è finita, ma si è messa a correre. Si sono scatenate le forze profonde imbrigliate dalla triste stabilità della Guerra fredda. Sono esplosi i conflitti nei Balcani che hanno minacciato la sicurezza ai confini della Nato e scosso le coscienze dei nostri popoli. Sono iniziate le missioni dell'Alleanza per gestire i nuovi conflitti: gli impegni operativi in Bosnia e poi in Kosovo hanno affiancato la sua missione di deterrenza e difesa. I Paesi che prima erano costretti nel blocco sovietico hanno scelto di entrare nella Nato per assicurare la difesa di una ritrovata libertà e indipendenza.

Non è stato facile per la Nato raddoppiare progressivamente i propri membri, integrare e far crescere i loro sistemi di difesa, ma anche questa sfida è stata vinta. Se la caduta del Muro di…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

DEVI LEGGERE

Pierre e Beatrice Casiraghi alla sfilata di Giorgio Armani

In un solo giorno, Giorgio Armani ha messo insieme tre «prime volte»: la presentazione di una linea di Alta Gioielleria, l'inaugurazione della prima...

Camilla Fabri, chi è la commessa indagata per riciclaggio …

La vicenda di Camilla Fabri, commessa 25enne indagata per un giro di riciclaggio internazionale che ha radici nel Venezuela di MaduroArriva da Milano ma...

Poste Italiane down: il sito web e l'app BancoPosta non funzionano

Venerdì di passione per i correntisti di Poste Italiane. Dalla tarda mattinata sono centinaia le segnalazioni di utenti che lamentano l'impossibilità ad accedere all'area...

Un passo dal cielo 6: gli ascolti premiano la serie che potrebbe …

L'attaccamento dei fan e le storyline in sospeso come l'aneurisma di Emma e il legame tra Vincenzo e Valeria favorirebbero il rinnovo della...

MARISELA FEDERICI/ "Senza i tradimenti di Roger, mio marito …

Marisela Federici a Vieni da me: la contessa racconta i tradimenti del primo marito Roger Tamraz da cui ha avuto due figli e il...