Home Il Messaggero Venezia, il passaggio delle stelle: da Scarlett Johansson a Monica ...

Venezia, il passaggio delle stelle: da Scarlett Johansson a Monica …

VENEZIA Il caso Polanski è chiuso: J’accuse, uno dei film più attesi di questa 76esima Mostra di Venezia, rimane in concorso. Lo ha annunciato il produttore Luca Barbareschi che aveva minacciato di ritirarlo in seguito alle improvvide dichiarazioni della presidente della Giuria, Lucrecia Martel: «Non andrò alla serata di gala per non dover applaudire Polanski». Ma ha poi accettato le scuse (o meglio, il «chiarimento») della regista argentina che ha promesso la massima imparzialità, così stasera il pubblico del Lido potrà vedere J’accuse sull’ottocentesco caso Dreyfuss, storia di accuse ingiuste e pregiudizi, che Polanski ha ricostruito pensando alla propria vicenda personale: per l’abuso compiuto su una minorenne nel 1977, il regista premio Oscar è stato cacciato dall’Academy e bersagliato dalle organizzazioni femministe. Ma a Venezia non verrà: se esce dalla Francia, rischia l’estradizione in America dove lo attenderebbe la prigione. A rappresentarlo saranno dunque gli interpreti Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner, moglie di Roman, e Barbareschi.

Intanto, ieri il Lido ha vissuto una giornata nel segno del delirio divistico. Assembramenti, coretti e fan impazziti hanno accolto sul red carpet Brad Pitt, tormentato astronauta nel film di James Gray Ad Astra. Tanti applausi sono stati riservati a Scarlett Johansson (che sul red carpet ha sfoggiato un enorme tatuaggio sulla schiena nuda) e Adam Driver, coppia che divorzia in Marriage Story di Noah Baumbach. Lacrime e una standing ovation hanno poi accompagnato la consegna del Leone d’oro alla carriera a Pedro Almodóvar: «Questo premio è un risarcimento e un atto di giustizia politica per il Leone che non mi venne assegnato nel 1988 per Donne sull’orlo di una crisi di nervi», ha detto estremamente commosso il regista spagnolo, 70 anni fra tre settimane, «l’allora presidente della giuria, Sergio Leone, mi spiegò che era piaciuto molto ma alla Mostra non poteva vincere una commedia. E proprio a Venezia ho avuto nel 1983 il mio battesimo con l’opera prima L’indiscreto fascino del peccato che, considerato osceno dal direttore Gian Luigi Rondi, venne proiettato soltanto a mezzanotte».

Al Lido ieri hanno entusiasmato anche Toni Servillo e Valeria Golino, rispettivamente un gangster e la sua pupa in 5 è il numero perfetto, il film che alle Giornate degli Autori segna…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

San Giuseppe da Copertino, il santo patrono degli studenti

Patrono degli studenti, mistico, tenuto lontano dalla gente in una clausura forzata. San Giuseppe da Copertino nato in Puglia e morto ad Osimo nelle Marche...

Chi è Stefano Accorsi? Età, altezza, premi, moglie, figli e film

Chi è Stefano Accorsi? Stefano, 1 metro e 78 centimetri di altezza, nasce a Bologna il 2 marzo 1971. Per quanto riguarda il percorso...

Italia-Francia, Macron a Conte: "Redistribuzione migranti, sanzioni a …

Il presidente francese al premier: "Possiamo metterci d'accordo su un meccanismo permanente di gestione dei migranti". E annuncia a breve incontro tra Le Drian...

Joe Bastianich: età altezza moglie figli, biografia, Amici Celebrities

«Chi è Joe Bastianich Amici Celebrities età altezza peso, moglie e figli, biografia, dove è nato e vive, giudice Italia'g Got Talent Italia e...

Conoscete la moglie di Stefano Accorsi? Ecco Bianca Vitali, è di una …

Stefano Accorsi protagonista del film di Rai Uno 'A casa tutti bene' Questa sera, mercoledì 18 settembre 2019 alle 21:25 su Rai Uno va in...
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi ogni giorno notizie e aggiornamenti

Ti sei correttamente registrato!